1° Maggio in Russia: dall’Unione Sovietica a Oggi

Il 1° Maggio in diverse parti del mondo si celebra il Labour Day.

In Italia la Festa dei Lavoratori fu istituita più di un secolo fa. La rivista La Rivendicazione di Forlì, cominciava così l’articolo Pel primo maggio, uscito il 26 aprile 1890:

“Il primo maggio è come parola magica che corre di bocca in bocca, che rallegra gli animi di tutti i lavoratori del mondo, è parola d’ordine che si scambia fra quanti si interessano al proprio miglioramento”.

In Russia questa festa è stata percepita in tre modi diversi nel corso della storia.

La più antica concezione di Primo Maggio nella patria degli zar prese piede, come nel resto dei Paesi in cui si celebra, dopo il Congresso di Parigi per la Seconda Internazionale, in memoria della Strage di Haymarket, a Chicago in Illinois (USA).

Nel 1886, infatti, in America si tenne un raduno di lavoratori in sciopero che ben presto si trasformò in carneficina. Una persona non identificata tra la folla lanciò una bomba su un gruppo di agenti di polizia, uccidendone uno istantaneamente. Nel caos conseguente sette agenti vennero uccisi da fuoco amico, così come molti civili.

Nell’Unione Sovietica, fortemente anticapitalista e antiamericana, il ricordo della strage di Haymarket fu cancellato dalle parole del leader bolscevico Lenin. Per Vladimir Il’ich Ulianov, i lavoratori il Primo Maggio festeggiano:

“Il loro risveglio, la luce e la conoscenza, la loro associazione in un’alleanza fraterna per la lotta contro ogni oppressione, <…> per una società che abbia un ordine socialista!”

Nella Russia del XXI secolo la Festa dei Lavoratori ha perso il carattere politico dell’epoca sovietica. Il Primo Maggio russo oggi non ha più i colori della bandiera rossa ornata di falce e martello.

Per la maggioranza si tratta semplicemente di uno dei tanti giorni festivi del calendario, ottimo per far ricominciare, dopo il gelido inverno, il дачный сезон, ovvero la stagione della dacha.

Non fa più così tanto freddo. La neve si è sciolta da qualche settimana. È primavera. Si può seminare e stare in famiglia all’aria aperta. Alla luce di questo idillio campestre che profuma di fiori e ruscelli, lontano dalla faticosa frenesia della fabbrica e dallo stress dell’ufficio, la Festa dei Lavoratori in Russia si chiama Праздник Весны и Труда: Festa della Primavera e del Lavoro.

 

Di Alessandra Schirò

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...