5 Consigli per Sopravvivere al Freddo Siberiano 

Quest’anno ho avuto il piacere di vivere per un semestre, da settembre a febbraio, e trascorrere le due stagioni più fredde, autunno e inverno, a Novosibirsk, la città più grande della Siberia. Mi sono scontrata con il freddo siberiano e, seguendo i consigli degli abitanti del luogo, l’ho amato fin da subito. 


Nonostante le basse temperature, sono riuscita a non ammalarmi, a non passare neanche un giorno con raffreddore o influenza.

È fondamentale coprirsi, indossare dei vestiti pesanti, maglie termiche, pile, sciarpe di lana e scarponi invernali. A volte, però, non basta.

Oggi voglio condividere con voi i 5 consigli che mi hanno protetto dai malanni e dal freddo siberiano.

 

Freddo, siberiano, freddo siberiano
Immagine di happymodern.ru

La Banja Russa

Su Italia Russia Corner si è parlato in lungo e in largo di come i russi siano attaccati tradizionalmente alla banja. Non vi ho ancora svelato, però, che la banja russa può essere anche, in un certo senso, curativa. I russi ci vanno per закаляться, letteralmente “temprarsi”, ovvero abituarsi allo sbalzo di temperatura tra le stagioni calde, dove il termometro può raggiungere i +30C, e l’inverno, quando fuori è tutto coperto di candida neve e la temperatura può superare i -30C. Dunque, prima si suda sulle panche roventi della banja, dopo ci si immerge nell’acqua gelida di fiumi, laghi o, più semplicemente barili. Il rituale si ripete più volte. Anch’io ero scettica all’inizio, non credevo nei tanto osannato miracoli della banja, ma mi è bastato un pomeriggio nella sauna del centro “Mira” che si affaccia sul fiume Ob’ per dimenticare il mal di gola, i geloni e l’emicrania che presagivano l’imminente arrivo dell’influenza. Da allora, per tutto il semestre che ho trascorso a Novosibirsk, ho seguito la routine di andare in sauna almeno una volta a settimana. 

 

Freddo siberiano, freddo, siberiano
Immagine di magazinerandom.com

I Benefici del Miele Siberiano

Il miele è da sempre considerato un antibiotico naturale. Dal nord della Siberia fino al Circolo Polare Artico si estende una zona di rigogliosa vegetazione. Ci sono campi e foreste da cui si ricava il miele più puro e biologico che abbiate mai assaggiato, in diverse varietà. I russi ne vanno molto fieri. Bevono il thè caldo col miele più volte al giorno per riscaldarsi. Come rimedio per il mal di gola, invece, consigliano una tazza di latte caldo fresco, di campagna, buonissimo, non pastorizzato, con un bel cucchiaio abbondante di miele. È uno dei tipici “rimedi della nonna” anche qui in Italia, sicuramente ne avete già sentito parlare, ma si sa, in viaggio ogni occasione è buona per assaggiare i prodotti tradizionali della zona che si visita. Il miele più buono della Siberia si trova sull’Altaj, in particolare nella zona dei Monti Sajany. È facilmente reperibile presso gli apicoltori e in qualsiasi mercato di campagna e città. 

 

Freddo siberiano, freddo, siberiano
Immagine di it.forwallpaper.com

Occhio al Meteo

Un’altra cosa che ho imparato in Siberia è leggere le previsioni meteo. C’è differenza tra -11C e -30C. Non bisogna scoppiare di caldo nei vestiti e neanche morire di freddo una volta usciti di casa, specialmente se si sta in giro tutto il giorno. L’equilibrio sta alla base di tutto. Oltre alla temperatura, però, c’è un altro parametro molto importante di cui tener conto quando si ha a che fare con il freddo siberiano: la velocità del vento. In Italia non ci facciamo molto caso, a parte in alcune zone del nord. In Russia, invece, l’intensità del vento è segnata ovunque: sui termometri digitali affissi sulle banchine degli autobus, in televisione, nelle app meteorologiche degli smartphones. Quando il vento è forte, anche se la temperatura non è tra le più alte, non vi consiglio di uscire di casa senza sciarpa e con la giacca aperta. Inoltre, vi raccomando di fare attenzione al vento, soprattutto quando le strade sono ricoperte di ghiaccio. 

 

Freddo siberiano, freddo, siberiano
Immagine di prinme.ru

Come scegliere i guanti

Quando la temperatura non scende sotto i -15C potete optare per i classici guanti in mitene, acrilico, lana o pelle, quelli “con le dita”, per intenderci. In questa variante esistono anche i guanti per touchscreen che vi evitano l’incombenza di dover digitare sul vostro smartphone al freddo a mani nude. In alternativa potete optare per uno stylus, comprandolo su Amazon, oppure creandolo in DIY avvolgendo una pila nella carta stagnola. Quando la temperatura si avvicina ai -20/-30C, è il caso di indossare dei guanti a manopola: tengono molto più caldo e non danno problemi alla circolazione. I russi li adorano, ne sfoggiano sempre di diversi, particolari, colorati. 

 

Freddo siberiano, freddo, siberiano
Immagine di starbene.it

Cura della pelle

Il gelo siberiano può far diventare la pelle davvero sensibile, facilmente irritabile, secca. Soprattutto le estremità del corpo al freddo tendono a seccarsi e screpolarsi. Se la situazione è già naufragata, un rimedio validissimo contro le spaccature e le irritazioni da freddo può essere il pantenolo, un precursore della vitamina B (pro vitamina B5) che viene impiegato sostanzialmente in processi e cure per la rigenerazione cellulare della pelle. Oltre le creme al pantenolo che servono a curare i sintomi a livello locale, vi consiglio, per la vostra igiene personale, di evitare i prodotti che contengono sapone, se avete una pelle sensibile alle basse temperature. È meglio ricorrere a una cura essenziale con prodotti neutri e ultra delicati, studiati apposta per le pelli sensibili e irritabili. Io amo le linee di detergenti e creme per pelli intolleranti del laboratorio Pierre Fabre che sforna marchi come A-Derma e Avene.


Questi sono i nostri 5 consigli per sopravvivere al freddo siberiano. Italia Russia Corner li condivide con voi a maggio, in largo anticipo rispetto alle stagioni più fredde, sperando di esservi utile a organizzare il vostro prossimo viaggio nella Siberia invernale.


Di Alessandra Schirò 

Immagine di babyblog.ru

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...