Visitare Volgograd: Le Città dei Mondiali

Oggi gli amici di Russia in Translation vi portano a visitare Volgograd. Si tratta di una delle 11 città russe che quest’estate ospiteranno i Mondiali di Calcio. Il mese scorso vi abbiamo portato in giro per l’europea Kaliningrad, adesso si va a visitare la bellissima e storica Volgograd.

visitare volgograd

Il Mamaev Kurgan e la scultura “La Madre Patria Chiama”
La scultura monumentale di una donna con la spada tra le mani sulla collina chiamata Mamaev Kurgan è la composizione centrale del memoriale agli “Eroi della battaglia di Stalingrado”. È stata creata nel 1967 secondo il progetto di E. V. Vutečič. L’altezza totale del monumento è di 85 metri. Fu installata a 200 metri dalla leggendaria 102° altezza, dove furono combattute feroci battaglie per durante i 140 giorni della Battaglia di Stalingrado.

Il Museo panoramico della Battaglia di Stalingrado
Il complesso museale, inaugurato nel 1985, è composto da due livelli: nel primo si trovano l’esposizione e il fondo del deposito, nel secondo vi è la tela panoramica “La sconfitta delle truppe fasciste tedesche a Stalingrado”. Alcuni oggetti sono esposti sotto il cielo aperto: l’equipaggiamento militare, diversi monumenti e la torre cisterna. Ogni anno circa mezzo milione di persone visitano il museo.

visitare volgograd

Il Mulino Gergardt
Questo mulino a vapore degli inizi del XX secolo fu distrutto durante la battaglia di Stalingrado. L’edificio non è stato restaurato in memoria dei terribili eventi della guerra. Le sue rovine fanno parte del Museo della Battaglia di Stalingrado. Nei primi anni dopo la fine dei combattimenti alcuni dei locali del mulino furono usati come edifici residenziali come è chiaramente visibile dalle finestre chiuse in alcune vecchie fotografie.

visitare volgograd

Il lungofiume Central’naja naberežnaja
Il lungofiume della città è considerato uno dei migliori sul Volga. Si compone di due livelli: il primo è direttamente adiacente al fiume, il secondo passa vicino alle case. L’aspetto moderno del luogo deriva dagli anni ’50. Prima della guerra il terrapieno era usato per ricevere navi da carico ed era presenta anche una stazione fluviale per passeggeri. Oggi è un ornamento di Volgograd e una porta d’ingresso alla città.

La piazza dei combattenti caduti
Prima della Rivoluzione del 1917 la piazza centrale della città era occupata da negozi di mercanti e da taverne. Durante la battaglia di Stalingrado divenne il luogo di sanguinose battaglie. In onore dei soldati caduti, per onorare il loro coraggio e il loro eroismo, nel 1963 venne acceso un Fuoco Eterno. Nella piazza sono presenti due fosse comuni. Oggi la piazza è circondata da monumenti, edifici amministrativi, hotel ed edifici residenziali.

Il viale degli Eroi
È uno dei viali centrali di Volgograd, costituito da tre strade parallele. Inizia direttamente dal lungofiume sul Volga. Il viale commemorativo cominciò a essere costruito dopo la guerra durante il restauro della città in rovine. Decisero di dedicarlo ai difensori della Patria, caduti eroicamente in battaglia. Lungo il viale ci sono stele su cui sono stati incisi i nomi di 127 combattenti che hanno difeso Stalingrado fino all’ultimo respiro.

La casa di Pavlov
La casa Piazza Lenin è famosa per il fatto che durante la battaglia di Stalingrado, un gruppo di combattenti organizzò una difesa durata 58 giorni nascondendosi tra le sue mura. I soldati erano comandati dal sergente maggiore Pavlov, da cui deriva l’odierno nome dell’edificio. Per il popolo sovietico la casa divenne il simbolo della risolutezza, dell’incredibile coraggio e dell’eroismo che le persone possono mostrare solamente nella difesa della loro patria.

Museo di Belle Arti. Makošv
L’esposizione è stata aperta ai visitatori nel 1963. Oggi è l’unica galleria d’arte di Volgograd. La collezione raccoglie opere del XIX e del XX secolo. La sua fondazione è basata da opere provenienti dell’Ermitage, dal Museo storico statale e della Galleria Tret’jakov. Una sezione separata del museo è dedicata alle opere dei pittori di Volgograd.

visitare volgograd

Il Museo storico e commemorativo
La collezione si trova nel palazzo dal 1903, allora appartenente alla famiglia di commercianti Repnikov. L’edificio stesso è un prezioso monumento architettonico degli inizi del XX secolo, costruito con mattoni di un rosso vivace nel nuovo stile russo. L’esposizione è composta da sei sezioni, in cui vengono messi in mostra dipinti, grafiche, fotografie, documenti e altri elementi del periodo della Guerra civile e della Grande Guerra Patriottica.

Il Museo Staraja Sarepta
Il museo all’aperto occupa un’area di 5 ettari. È stato organizzato con l’obiettivo di preservare il patrimonio architettonico dei secoli XVIII e XIX, e di favorire la rinascita delle tradizioni dei popoli della regione di Volgograd. All’interno del Staraja Sarepta lavorano centri nazionali russi, tartari, tedeschi, calmucchi, ucraini e bielorussi. La collezione del museo comprende mostre etnografiche, archeologiche e d’arte.

visitare volgograd

Il planetario di Volgograd
Il Planetario è stato inaugurato nel 1954, oggi è l’unico teatro spaziale nel territorio della oblast’ e delle regioni vicine. Fu eretto da ingegneri e costruttori della RDT come dono dell’URSS in onore del 70° anniversario di Stalin. L’architettura dell’edificio ricorda il profilo di un tempio monumentale neoclassico con imponenti colonne sul davanti e un’alta cupola.

visitare volgograd

La costruzione dei vigili del fuoco Caricynskij
Si tratta di un monumento architettonico regionale del XIX secolo, che svolge le funzioni di una torre dei vigili del fuoco. L’edificio storico fu eretto nel 1897, ma venne distrutto negli anni ’30 (o, secondo un’altra versione, durante la battaglia di Stalingrado). L’edificio moderno è apparso nel 1995, ed è stato ricreato in conformità con l’aspetto originale. Attualmente l’ex torre antincendio è un edificio amministrativo.

Il Kazanskij Sobor
La chiesa fu costruita alla fine del XIX secolo in onore dell’icona della Madonna di Kazan’. In precedenza in questo luogo sorgeva una chiesa degli inizi del XVIII secolo ed in seguito una cappella in legno. L’edificio è stato costruito in stile eclettico combinando maniere architettonici di diverse epoche. Forse è proprio per questo che sembra così festoso ed elegante. La cattedrale è stata ristrutturata dopo essere stata abbandonata per molti anni durante il periodo sovietico.

visitare volgograd

La Chiesa di Ognissanti sul Mamaev Kurgan
Il tempio ha ricevuto i primi parrocchiani nel 2005, ma il luogo di costruzione era stato consacrato già nel 1993 dal Patriarca Alessio II. L’edificio fu eretto vicino alla fossa comune sul Mamaev Kurgan. Questo gesto aveva un significato piuttosto profondo. Oggi la sua cupola dorata che risplende al sole integra, per così dire, la composizione commemorativa dedicata agli eroi della Grande Guerra Patriottica.

visitare volgograd

La Fontana Iskysstvo
La composizione adorna il lungofiume centrale della città. Gli abitanti della città la conoscono anche come la fontana dell’Amicizia dei Popoli. La scultura rappresenta un gruppo di tre ragazze in costume nazionale che eseguono una sorta di danza popolare. Le figure sono su un alto piedistallo attorno al quale sprizzano getti d’acqua. Questo posto è apprezzato durante eventi pubblici e i festival.

La Fontana Barmalej
La storica fontana Barlamej un tempo adornava il centro della Stalingrado sovietica. Fu creata per la prima volta nel 1930. In ricordo della fontana nel 2013 sono state installate due copie. Una vicino al mulino Gergardt, la seconda sulla piazza vicino alla stazione. La composizione è composta da figure di bambini danzanti, che ballano intorno a un enorme coccodrillo. Il gruppo scultoreo è stato creato sulla base della fiaba “Barmalej”di Čukovskij.

visitare volgograd

Il Monumento a Panikacha
La scultura è dedicata a Michail Panikacha, un eroe della Grande Guerra Patriottica. Durante la difesa della 102° altezza, si è precipitato con una Molotov su uno dei carri armati tedeschi e l’ha fatto esplodere, impedendo così al nemico di mettere piede sul Mamaev Kurgan. Il monumento è una figura di 6 metri, ferma in una posizione determinata e pronta in qualsiasi momento a muoversi dal suo posto. Proprio la posizione in cui doveva essere l’eroe al momento del suo lancio mortale.

visitare volgograd

Il monumento a Lenin
All’ingresso del canale Volga-Don si trova il monumento a Lenin. Alto 27 metri, è posizionato su un piedistallo di granito di 30 metri di altezza. È stato prodotto utilizzando la stessa tecnologia usata per “La Madre Patria Chiama”. Il monumento fu costruito nel 1973, precedentemente al suo posto c’era un monumento a Stalin, smantellato nel 1969. Oggi il monumento è un oggetto del patrimonio culturale della Federazione Russa.

L’ascensore Volgograd
L’insignificante edificio industriale del 1940 è oggi un importante monumento storico a causa del ruolo svolse durante la battaglia di Stalingrado. Nel 1942 e nel 1943 vi furono combattute aspre battaglie a causa delle quali la struttura fu gravemente danneggiata. Nel 1977 fu installata una scultura commemorativa dei i soldati-difensori della città.

visitare volgograd

Il Volgograd I
La stazione ferroviaria dalla parte del Volga è considerata un monumento architettonico. L’edificio moderno fu costruito nel 1954 in sostituzione dell’antico edificio di mattoni della fine del XIX secolo, completamente distrutto durante la battaglia di Stalingrado. La stazione è costruita nel classico stile dell’epoca di Stalin con una sua intrinseca solennità e monumentalità. Per la ricca decorazione sono stati utilizzati marmo e granito.

visitare volgograd

Il Metrotram
Il sistema urbano di tram ad alta velocità con elementi di metropolitana è composto da 22 stazioni. La sua lunghezza totale è superiore a 17 km. La sua storia è iniziata con l’apertura di un deposito di tram nel 1971. Secondo alcune riviste occidentali, il metrotram è una delle linee di tram più interessanti al mondo dato che molte suo parti si trovano lungo tunnel sotterranei.

visitare volgograd

La stazione sul fiume
La stazione del fiume Volgograd è considerata la più grande non solo della Russia, ma di tutta l’Europa. È stata costruita nella seconda metà del XX secolo. La sua banchina è progettata per 6 navi ed al suo interno ha una spaziosa sala da concerto per 1000 spettatori. Da qui si può fare un piacevole tour lungo il Volga su una comoda barca. Oggi la stazione è a tutti gli effetti più simile ad un centro di intrattenimento turistico che ad un hub di trasporto.

Il canale Volga-Don
Il canale collega due grandi corsi d’acqua della parte europea della Russia: il Volga e il Don, estendendosi per 101 km. Alla sua costruzione presero parte prigionieri di guerra tedeschi, detenuti soldati smobilitati e studenti universitari per un totale di quasi un milione di persone. È forse per questo che il canale venne stato scavato nel periodo record di 4 anni e mezzo.

La centrale idroelettrica sul Volga
È la più grande centrale idroelettrica della Russia europea. Fu costruita nel 1961 come parte della cascata Volga-Kama. La sua attività crea benefici alle persone, ma provoca danni all’ambiente creando difficoltà nella deposizione delle uova da parte di storioni, beluga e altre specie di pesci di fiume. La grande struttura può essere ammirata solo dalla riva, dato che l’accesso all’area della centrale è vietato.

Il fiume Volga
Il più grande corso d’acqua d’Europa (e uno dei più grandi del pianeta) si estende per 3.500 chilometri dalla regione di Tver al Mar Caspio. Sulle sue rive sorgono numerose città con milioni di abitanti. Il paesaggio del Volga è cantato in molte opere dei classici russi e raffigurato nei dipinti di artisti a dimostrazione di come le persone hanno a lungo ammirato la maestosità e la potenza di questo fiume.

Traduzione di Marcello de Giorgi

Leggi l’articolo originale in russo: clicca qui.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...