Il Raketa col fascino dell’errore

Torniamo a parlare di collezionismo russo, di orologi in particolare. L’orologeria sovietica è ciò che più mi appassiona collezionisticamente parlando. Oggi parlo ancora di Raketa, avrete notato la quantità di articoli riguardo questo marchio, ma non preoccupatevi, livelleremo la presenza di altri marchi prima possibile. Raketa è il mio marchio di orologi russi preferito, ma ciò non significa che non parlerò anche di altro, datemi tempo e riempirò la rubrica di orologi interessantissimi.

Il titolo vi da’ un’anticipazione di quella che è la presentazione di oggi. In questo articolo infatti vi parlo di un Raketa molto particolare, creato in due varianti, e che presenta vari errori sul quadrante.

I Raketa di cui stiamo parlando rientrano nella produzione dedicata a Mirabilia e destinata al mercato italiano. Le fattezze sono di qualità, vedremo in seguito anche il corredo di vendita.

La cassa misura 39mm ed è uno dei modelli di cassa più usati da Raketa, la stessa dello Zero per intenderci.

Al suo interno è alloggiato il movimento 2609HA, altro pilastro della produzione Raketa. Parliamo di un movimento a carica manuale con oltre 24 ore di riserva di carica.

Il quadrante con l’errore

Parliamo ora dell’argomento principale, di ciò che rende questi orologi così ricercati, il quadrante.

Iniziamo col dire che il quadrante è disponibile in due versioni: argento e crema.

Raketa, errore

Entrambe le colorazioni sono carine e discrete, adatte a vari utilizzi.

La particolarità risiede nel fatto che, all’interno del quadrante, sono riportati i numeri corrispondenti agli indici, alle ore del giorno. In un cerchio interno sono riportati i numeri in cifre arabe, mentre in maniera perpendicolare al perimetro del quadrante sono posizionati i numeri in lettere, non sempre espresse in alfabeto cirillico.

Proprio in questa occasione è avvenuto l’errore di progettazione che fa tanto innamorare i collezionisti di oggi.

Dalle foto potrete vedere come, ad esempio, le parole corrispondenti al 9 (девять) e al 10 (десять) siano invertite fra loro. Le due parole differiscono fra di loro per una sola lettera в, credo che questo sia il fatto che ha generato l’errore in fase di progettazione del quadrante.

In generale, il quadrante è pieno di errori. Saranno voluti? Ci sono lettere cirilliche scambiate con caratteri latini in maniera completamente arbitraria, parole inventate di sana pianta come nel caso delle cifre 11 e 12, lettere che cambiano di posto. Per noi di Italia Russia Corner questa è una buona occasione per ripassare i numeri in lingua russa.

Raketa, errore

Per i collezionisti questa è una chicca da ricercare e custodire gelosamente. Sia chiaro che l’errore non riguarda una partita di orologi, ma tutta la produzione di questi modelli. Perciò non stiamo parlando di una rarità eccessivamente elevata, ma comunque di una curiosità interessante. Certo, trovare questi orologi non è facile, avere la coppia nelle due colorazioni è ancora più difficile, ma sono un bell’argomento per valutare la produzione di metà anni ’90.

Il Corredo

Nascendo come orologi destinati al mercato italiano e prodotti da Mirabilia, questi avevano un corredo che ne aumentasse l’appetibilità in fase di vendita. Come tutti i Raketa hanno la scatola rossa con il marchio dorato e la stoffa interna. Il cinturino abbinato a questa produzione è marrone, con impunture bianche e marchio stampato nella parte interna.

In conclusione non posso che augurarvi di trovare questi orologi e di acquistarli, rappresentano una bella testimonianza. Se non ne conoscevate la particolarità spero di avervi dato un giusto input di curiosità per mettervi alla ricerca che Raketa con l’errore.

Antonio Cosini Botti

Annunci

3 pensieri riguardo “Il Raketa col fascino dell’errore

    1. Grazie per il commento! I tuoi amici russi hanno ragione e c’è un motivo per cui questi orologi non si trovano sul sito ufficiale dei Raketa russi. Si tratta di orologi borderline studiati appositamente per il mercato italiano negli anni ’90.
      “Questa produzione (…) risale alla metà degli anni ‘90 e in effetti non vi si trova grande riscontro sui cataloghi dell’epoca. A riguardo c’è molta confusione e pare che ci sia stata una produzione dedicata proprio al mercato italiano e curata dalla ditta importatrice, per seguire il successo commerciale che gli orologi russi stavano avendo.” In poche parole potrebbero essere orologi assemblati dall’azienda importatrice italiana con gli ingranaggi e alcune casse dei Raketa russi originali. Ne abbiamo parlato in uno scorso articolo, a questo link: https://italiarussiacorner.com/2018/02/02/un-raketa-per-italia/

      Mi piace

    2. Si trova evidenza rete (forum specialistici) del fatto che negli anni 90, complice il decadimento della Raketa che si concluse con il suo fallimento, l’importatore Italiano abbia utilizzato casse e movimenti Raketa per la produzione di modelli ispirati a gusti italiani. Non si tratta quindi di “cinesate”
      Infine, secondo il mio parere personale, meritano di essere collezionati proprio per questa loro peculiarità

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...